Informazione Scientifica - Lavori Internazionali


 

• Acqua alcalina idrolizzata : effetto anti-ossidante 

Antioxidative effect of AIW (Alkaline Ionized Water)

L’acqua alcalina idrolizzata si è rivelata un ottimo anti-ossidante in uno studio effettuato sulle cavie da laboratorio.

Il risultato suggerisce che l’acqua idrolizzata alcalina sia efficace nel ridurre lo stress ossidativo nell’organismo umano.

Negli ultimi anni la ricerca medico scientifica ha prestato particolare attenzione allo studio dei radicali liberi e al loro coinvolgimento nei processi di insorgenza e sviluppo di numerose malattie.

I radicali liberi sono specie chimiche altamente instabili a causa della presenza nella loro struttura di uno o più elettroni liberi.
Questo fa sì che i radicali liberi “cerchino” di raggiungere uno stato più stabile accoppiandosi ad altre molecole o atomi, “rubando” loro atomi di idrogeno o interagendo con altre specie radicaliche.
I radicali liberi quindi reagiscono con altre molecole attraverso reazioni di ossido-riduzione (redox) per raggiungere una configurazione elettronica stabile.
Quando un radicale libero reagisce con un’altra specie chimica per diventare stabile, può:

  • perdere elettroni, oppure
  • guadagnare elettroni, oppure semplicemente
  • unirsi alla specie chimica (molecola o atomo).

In ogni caso, la specie chimica, molecola o atomo che sia, si trasforma in un nuovo radicale libero, il quale a sua volta cerca un’altra specie chimica per diventare stabile e così via.

Si innesca così una sorta di “reazione a catena”, in cui un radicale libero genera un altro radicale libero, e così via.
Il processo termina solo quando due radicali “opposti” si attraggono, si incontrano e si legano diventando stabili e fermando così la cascata di reazioni.

I radicali liberi costituiscono un’ampia famiglia di composti, che per semplificare possono essere suddivisi in due principali categorie:

  1. ROS (Reactive Oxygen Species): specie reattive contenenti ossigeno;
  2. RNS (Reactive Nitrogen Species): specie radicaliche dell’azoto (radicale ossido nitrico NO e il perossinitrito).

ROS (Reactive Oxygen Species) possono avere due origini:

  1. vengono normalmente prodotti dalle cellule del nostro corpo durante i normali processi fisiologici, come sottoprodotti della respirazione, di reazioni immunitarie, in seguito all’innescarsi di reazioni infiammatorie, ecc.;
  2. possono arrivare dall’esterno: si parla in questo caso di origine esogena. È il caso degli inquinanti presenti nell’atmosfera, nel cibo, nell’acqua, raggi UVA e UVB, agenti chimici, ma anche semplicemente lo stress.

Il nostro corpo normalmente riesce a difendersi dai radicali liberi e riesce a neutralizzarli prima che essi aggrediscano le nostre strutture biologiche.
Tali sistemi di difesa includono:

  • enzimi come glutatione, superossido dismutasi, catalasi;
  • molecole antiossidanti, vitamine che provengono dal cibo.

Purtroppo, come è facile immaginare, lo stile di vita, l’inquinamento al quale il nostro corpo è sottoposto, la carenza di vitamine nella dieta, ecc. possono condurre ad un deficit nella difesa dai radicali liberi.
Se quindi i radicali liberi non vengono “smorzati” nella loro ricerca di legarsi con una molecola per diventare stabili, quello che succede è che essi vanno a reagire con biomolecole fondamentali per la nostra vita, come:

  • DNA, danneggiandolo;
  • lipidi;
  • proteine;

provocando così dei danni cellulari di entità crescente, che possono arrivare a provocare la morte delle cellule stesse.

A lungo andare, la moria di cellule provoca dei danni ai tessuti e la conseguenza è la possibile insorgenza di malattie croniche come:

  • disturbi cardio-circolatoriaterosclerosiischemieictus,…;
  • diabete;
  • cancro;
  • malattie neurodegenerative: morbo di ParkinsonAlzheimer,…

Senza contare che lo stress ossidativo è tra le principali cause dell’invecchiamento cellulare, secondo il seguente meccanismo d’azione:

  • i radicali liberi (ROS) attaccano le catene polinsature dei lipidi provocandone l’ossidazione (perossidazione lipidica);
  • l’alterazione delle catene lipidiche rappresenta un grave danno a carico delle membrane cellulari, le quali diventano maggiormente permeabili e perdono la loro efficienza, con conseguente invecchiamento precoce di cellule e tessuti.

In particolare, i ROS comprendono le forme più reattive tra i radicali liberi, in quanto ossidano rapidamente tutte le molecole biologiche come grassi insaturi, proteine, acidi nucleici, provocando gravi danni alle cellule.

In particolare lo studio in questione afferma che a seguito dell’assunzione di acqua alcalina ionizzata si è registrata una diminuzione della perossidazione lipidica, segno di una evidente azione anti-ossidante.

L’acqua alcalina ionizzata si è rivelata un ottimo anti-ossidante in uno studio effettuato sulle cavie da laboratorio.

Il risultato suggerisce che l’acqua ionizzata alcalina sia efficace nel ridurre lo stress ossidativo nell’organismo umano.


• Acqua Alcalina Ionizzata: Trattato Scientifico sulle proprietà

Scientific view of the functional properties of functional water

Report from the Waterlife Conference, November 2, 2001, Columbia University, New York City.
© 2001 Bruce L. Erickson and Richard A. Wullaert, Ph.D.

Divulgato da “The Functional Water Society of North America” (FWSNA), un’associazione no-profit che promuove la scienza e la tecnologia sull’acqua ionizzata alcalina e acida (“functional water”). È associata alla “Japanese Functional Water Foundation” e partecipa ai simposi annuali sulla “Funcional Water”.

Questo articolo afferma che il Ministero della Salute giapponese ha riconosciuto lo ionizzatore d’acqua alcalina ionizzata come dispositivo medico e  ha certificato che l’acqua alcalina allevia i disturbi gastrointestinali, l’acidosi, la diarrea cronica e i problemi di digestione.

L’acqua acida viene usata in agricoltura per facilitare la crescita delle piante, come pesticida e disinfettante.

In Giappone, recenti ricerche hanno dimostrato che l’acqua alcalina ionizzata ha un effetto antiossidante.

L’effetto antiossidante della vitamina C viene potenziato se essa viene disciolta in acqua alcalina ionizzata.

È stato anche dimostrato che l’acqua alcalina ionizzata protegge il DNA dai danni dei radicali liberi.

Inoltre, la relazione afferma che le cavie alle quali è stata somministrata acqua alcalina hanno avuto una vita media più lunga del 30% rispetto alle cavie del gruppo di controllo.

L’acqua alcalina aiuta e migliorare anche il sistema immunitario e inibisce le malattie autoimmunitarie, come osservato dallo stesso studio.


• Acqua alcalina ionizzata e stitichezza cronica idiopatica

ARW (Alkaline Reduced Water) in chronic idiopathic constipation

Per stitichezza cronica idiopatica si intende una stitichezza che si è verificata in modo apparentemente primitivo, senza cause note o dimostrabili.

Il termine “idiopatico” si intende in contrapposizione a “secondario”, che indica invece la dipendenza della stitichezza da una malattia preesistente o da cause accertabili.

• Stitichezza e acqua alcalina ionizzata: studio scientifico

L’acqua alcalina ionizzata contiene grandi quantità di calcio ionizzato, in forma bio-disponibile, ovvero in forma altamente utilizzabile ed assimilabile dall’organismo.

Lo ione calcio è considerato essenziale nelle contrazioni propulsive della muscolatura intestinale liscia, quini una efficace integrazione di calcio bio-disponibile potrebbe incrementare i movimenti della muscolatura intestinale e favorire i movimenti peristaltici dell’intestino, che favoriscono l’evacuazione e la pulizia intestinale.

Alcuni studiosi hanno effettuato un esperimento somministrando a pazienti con stitichezza cronica acqua alcalina ionizzata e hanno riscontrato:

  • una significativa diminuzione del tempo di transito delle feci nel colon;
  • un significativo aumento della frequenza di defecazione.

• Stitichezza e acqua alcalina ionizzata: diminuzione tempo di transito feci nel colon

Lo studio scientifico ha evidenziato che il tempo di transito delle feci nel colon è sceso del 75 %.

Precisamente, è sceso da 71,8 ore (con variazioni in più o in meno di 29,4 ore) a 18,8 ore (con variazioni in più o in meno di 10,4 ore).

Il grafico seguente illustra la significativa variazione del 75%

L'acqua alcalina ionizzata è un efficace rimedio per la stitichezza: il tempo di transito delle feci nel colon diminuisce in modo significativo.

L’acqua alcalina ionizzata è un efficace rimedio per la stitichezza: il tempo di transito delle feci nel colon diminuisce in modo significativo.

• Stitichezza e acqua alcalina ionizzata: aumento frequenza defecazione

Lo studio scientifico ha evidenziato che, grazie all’assunzione di acqua alcalina ionizzata, la frequenza di defecazione è aumentata del 100%.

Precisamente, è salita da 1,4 defecazioni/settimana (con variazioni in più o in meno di 0,6) a 2,7 defecazioni/settimana (con variazioni in più o in meno di 1,6).

Il grafico seguente illustra la significativa variazione del 100%

L'acqua alcalina ionizzata è un efficace rimedio per la stitichezza: il numero di defecazioni aumenta in modo significativo.

L’acqua alcalina ionizzata è un efficace rimedio per la stitichezza: il numero di defecazioni aumenta in modo significativo.

Il Dr. Shinya in Giappone ha eseguito degli studi approfonditi documentati con materiale video che:

  • evidenziano il ruolo dell’acqua alcalina ionizzata nel trattamento della stitichezza e della pulizia intestinale;
  • mettono in relazione la stitichezza con diverse patologie.

Quello che segue è un video che illustra l’azione dell’acqua alcalina ionizzata nel trattamento della stitichezza e della pulizia intestinale.

Stitichezza e acqua alcalina ionizzata: il Dr Shinya ne illustra l’azione


• Acqua alcalina ionizzata: protegge il DNA dallo stress ossidativo

ARW (Alkaline Reduced Water) protects DNA from oxidative damage

I radicali liberi (ROS: Reactive Oxygen Species) sono considerati i principali responsabili di diverse malattie e dell’invecchiamento cellulare.

L’acqua ionizzata alcalina:

  • contiene grandi quantità di idrogeno attivo, in grado di catturare i radicali liberi;
  • ha un potenziale di ossido-riduzione (potenziale redox) negativo.

Lo studio, con grande dovizia di particolari e specifiche tecniche, afferma che l’acqua ionizzata alcalina può essere molto efficace nel proteggere il DNA dai danni dei radicali liberi.


• Acqua alcalina ionizzata: quali sono le sue proprietà?

Understanding alkaline ionized water

Le proprietà dell’acqua alcalina ionizzata

Lo studio illustra le caratteristiche dell’acqua ionizzata alcalina:

  • contiene grandi quantità di idrogeno attivo, in grado di catturare i radicali liberi, principali responsabili dell’invecchiamento cellulare;
  • ha un potenziale di ossido-riduzione (potenziale redox) negativo ed è il più potente anti-ossidante naturale;
  • ha i cluster più piccoli rispetto all’acqua di rubinetto e all’acqua imbottigliata, quindi ha un maggiore potere idratante


• Acqua alcalina ionizzata: applicazioni cliniche

Clinical applications of electrolyzed-reuced water

Lo studio è stato presentato al convegno

JAACT 2000 FUKUOKA
Symposium4 “Advanced Functional Foods and Water for Prevention of Disease”

Lo studio fa riferimento alla letteratura presente sull’acqua ionizzata alcalina e cita tra i benefici clinici effettivamente riscontrati a livello clinico, un miglioramento nelle patologie:

  • diabete:
  • epatoma;
  • dermatite atopica.


• Acqua alcalina ionizzata e Osteoporosi

AIW (Alkaline Reduced Water) AND OSTEOPOROSIS

Lo studio è stato condotto su gruppi di cavie ed è stato dimostrato che l’assunzione di acqua ionizzata alcalina favorisce il miglioramento dell’osteogenesi anche in condizioni di carenza di calcio.

Per osteogenesi in fisiologia si intende il processo di formazione delle ossa nell’uomo.

Lo studio è stato condotto su cavie da laboratorio con carenza di calcio nella dieta e conseguente osteoporosi in atto.

Ad un gruppo è stata somministrata acqua alcalina ionizzata e all’altro acqua del rubinetto.

Si è constatato che il gruppo al quale è stata somministrata acqua alcalina ionizzata è quello con l’osteogenesi più attiva di tutti, ossia quello che alla fine dell’esperimento ha avuto le ossa più forti di tutti.

Il gruppo al quale è stata somministrata acqua alcalina ionizzata ha risentito meno di tutti della mancanza di calcio nella dieta, e alla fine dell’esperimento le misurazioni hanno rilevato che questo gruppo è quello con le ossa più forti di tutti gli altri gruppi.

Questo studio scientifico ha dimostrato che l’acqua alcalina ionizzata è un integratore di calcio che si è rivelato molto efficace nel sopperire alla carenza di calcio nella dieta.

L’acqua alcalina ionizzata si è dimostrata efficace nel favorire l’osteogenesi e alla fine dello studio, il gruppo che ha assunto acqua alcalina ionizzata è stato quello con le ossa più forti.


• Acqua alcalina ionizzata e fermentazione intestinale

ARW (Alkaline Reduced Water) and intestinal fermentation

Questo studio scientifico afferma che la somministrazione di acqua alcalina ionizzata può aiutare a ridurre in modo significativo la fermentazione intestinale.

Gli ionizzatori d’acqua alcalina sono stati approvati come dispositivo medico già nel 1965 dal Ministero della Salute giapponese; già all’epoca, esso aveva ufficialmente riconosciuto che l’acqua alcalina ionizzata da esso prodotta era in grado di aiutare ad apportare benefici significativi in caso di:

  • fermentazione gastro-intestinale;
  • diarrea cronica;
  • indigestione;
  • iperacidità gastrica.

Questi benefici sono quindi già stati riconosciuti in passato, e che sono dovuti essenzialmente all’idrossido di calcio presente in abbondanza nell’acqua alcalina ionizzata.

Questo studio scientifico è stato effettuato somministrando per lungo tempo acqua alcalina ionizzata a cavie da laboratorio con una grave fermentazione intestinale in atto.

È stato inoltre scoperto in questo studio scientifico che l’acqua alcalina ionizzata può aiutare ad apportare dei benefici:

  • all’ipertrofia della valvola ileo-cecale;
  • nella riduzione degli acidi grassi a catena corta, che sono il prodotto principale della fermentazione.

Questi obiettivi sono raggiunti dall’acqua alcalina ionizzata grazie all’alto livello di calcio bio-disponibile contenuto in essa (circa 50 ppm) e dal valore del pH alcalino


• Acqua Alcalina ionizzata per i dolori addominali

ARW (Alkaline reduced Water) for abdominal complaints

• Acqua alcalina ionizzata e dolori addominali: svolgimento dello studio scientifico

Questo studio scientifico è stato condotto su pazienti con i seguenti disturbi:

  • diarrea cronica;
  • costipazione;
  • dolori addominali.

Lo studio è stato condotto in doppio cieco.

Le conclusioni dello studio sono le seguenti.

Tutti i pazienti ai quali è stata somministrata acqua alcalina ionizzata hanno avuto una significativa diminuzione di tutti i disturbi sopra citati:

  • diarrea cronica;
  • costipazione;
  • dolori addominali.


• Acqua alcalina ionizzata: proprietà anti-cancro

Anticancer effect of ARW (Alkaline Reduced Water)

Proprietà anticancro dell’acqua ionizzata alcalina

Lo studio è stato condotto su un gruppo di cavie da laboratorio al quale sono state inoculate cellule tumorali (melanoma B16) e somministrata acqua alcalina.

In tali caviesi è registrato:

  • un ritardo nella crescita del tumore del 54%;
  • una vita significativamente più lunga (+22%);
  • un’inibizione delle metastasi (44%).


• Acqua alcalina ionizzata: proprietà antidiabetiche

Effect of alkaline ionized water on spontaneously diabetic GK-rats fed sucrose

Studio condotto su 32 cavie da laboratorio di tipo GK (GK-rats) con diabete mellito, diviso in due gruppi di 16 elementi ciascuno.

A tutti è stato somministrato saccarosio per aggravare il diabete.

Al primo gruppo (gruppo A) è stata somministrata acqua ionizzata alcalina;

al secondo (gruppo B) è stata somministrata acqua di rubinetto.

I gruppi A e B sono stati divisi in sottogruppi di 8 elementi ciascuno:

  • A1 al quale è stata somministrata una soluzione di acqua ionizzata alcalina e glucosio al 30%;
  • A2 al quale è stata somministrata acqua ionizzata alcalina senza aggiunta di glucosio;
  • B1 al quale è stata somministrata una soluzione di acqua di rubinetto e glucosio al 30%;
  • B2 al quale è stata somministrata acqua di rubinetto senza aggiunta di glucosio.

Il gruppo B1 (acqua di rubinetto e glucosio) ha registrato livelli di glucosio nel sangue significativamente più alti rispetto al gruppo A1 (acqua ionizzata alcalina e glucosio).

Il gruppo B1 (acqua di rubinetto e glucosio) ha registrato una perossidazione lipidica significativamente più alta rispetto al gruppo A1 (acqua ionizzata alcalina e glucosio).

In questo studio l’acqua ionizzata alcalina ha dimostrato di inibire la crescita dei livelli di glucosio nel sangue e la perossidazione lipidica nel diabete mellito (che causa l’invecchiamento precoce delle cellule e l’insorgere di varie patologie più o meno gravi come: cancro, sclerosi multipla, diabete, artrite reumatoide, enfisema, cataratta, morbo di Parkinsonmorbo di Alzheimer, ecc.).

Acqua-Alcalina-Ionizzata-Grafico-Diabete-1

 

Acqua-Alcalina-Ionizzata-Grafico-Diabete-2


• Acqua alcalina ionizzata: proprietà antidiabetica

Anti-diabetic effect of alkaline reduced water on OLETF rats

Questo studio è stato condotto su cavie da laboratorio di tipo OLETF (Otsuka Long-Evans Tokushima Fatty), con diabete spontaneo.

È stato considerato un gruppo di 16 cavie, diviso in due gruppi, di 8 esemplari ciascuno. Ad un gruppo è stata somministrata acqua normale di rubinetto e all’altro gruppo è stata somministrata acqua ionizzata alcalina.

Si è osservato che il livello di glucosio del gruppo al quale è stata somministrata acqua ionizzata alcalina, dopo 12 settimane di trattamento, era significativamente più basso rispetto al gruppo trattato con acqua di rubinetto.

Analogamente, i livelli di colesterolo e di trigliceridi del gruppo al quale è stata somministrata acqua alcalina erano significativamente più bassi rispetto all’altro gruppo.

Questi risultati suggeriscono che la regolare somministrazione di acqua ionizzata alcalina comporta una riduzione del livello di glucosio, trigliceridi e colesterolo totale nel sangue.

Grafico dimostrazione azione antidiabetica

Grafico 2 dimostrazione azione antidiabetica
Due grafici insieme

Grafico dimostrazione azione antidiabetica

Grafici got e gpt


 

 

0

Start typing and press Enter to search